Se in una pressa per stampaggio a iniezione si utilizzano materiali riciclati, questi devono essere privi di impurità che potrebbero ostacolare il processo di lavorazione, ad esempio otturando gli ugelli dei canali caldi. La separazione di questi inquinanti avviene generalmente tramite un processo di filtrazione della massa fusa e una fase separata di granulazione.

Le nostre macchine per stampaggio a iniezione riuniscono in sé entrambi questi processi, integrando tra l'unità di plastificazione e quella di iniezione il filtro automatico ERF, che consente di rigenerare la massa fusa inquinata in un unico passaggio, rendendo di fatto superflua una linea di granulazione supplementare con filtrazione della massa fusa. La lavorazione del materiale risulta pertanto meno invasiva e più efficiente in termini energetici, riducendo considerevolmente l'investimento in impianti e gli spazi richiesti.